Inauguriamo una nuova rubrica " Le cronache del Pacco " ..... ooopppssss....."del parco" ovvero....le peggiori idee pensate, progettate e realizzate da quell'inutile istituzione che si chiama "Parco Nazionale dell'arcipelago di La Maddalena"

Dove non riuscirono due richieste di referendum sottoscritte da migliaia di cittadini e 12 anni di lotte in consiglio comunale ed in piazza riuscì il neopresidente Bonanno ( ... in pochi giorni ) con le sue discutibili idee : mettere d'accordo tutti i cittadini ed i suoi rappresentanti istituzionali a tutti i livelli per un NO secco ed un "grazie basta così" !   RESOCONTO COMPLETO ? CLICCA QUI


27 giugno - Grazie alla collaborazione del Presidente Bonanno, che ringraziamo, al quale avevamo chiesto d'intervenire a salvaguardia del suo giusto e legittimo diritto di replica ai rilievi mossi da politici e privati cittadini, potrete scaricare, CLICCANDO QUI, il DOSSIER ( nuova finestra ) dove viene illustrata l'attività del parco dal suo insediamento. Ringraziamo il Presidente per la sua collaborazione pur rimanendo ognuno sulle proprie posizioni.

  ERRATA CORRIGE : RIPORTIAMO PER CORRETTEZZA, NON POTENDO ALTERARE L'ARTICOLO SCRITTO DA UN GIORNALISTA, LUCA ROJCH DE "NUOVA SARDEGNA", CHE IL PRESIDENTE BONANNO HA SMENTITO CATEGORICAMENTE DURANTE LA CONFERENZA STAMPA DI IERI 26 giugno ALLA QUALE ABBIAMO PARTECIPATO GRAZIE ALL'INTERESSAMENTO DEL PRESIDENTE IN PERSONA, L'AFFERMAZIONE FATTA DAL ROJCH, IN MERITO ALLA PRESUNTA VOGLIA DEL PRESIDENTE DI "GUARDIE ARMATE"  RISULTATE FRUTTO DI UNA DISTORTA E FANTASIOSA INTERPRETAZIONE DELLE SUE PAROLE, BONANNO HA PRECISATO BEN DUE VOLTE DI NON AVER MAI PARLATO DI GUARDIE ARMATE,  DA PARTE DEL GIORNALISTA STESSO IL QUALE, NATURALMENTE, SIN'ORA SI E' BEN GUARDATO, DOPO AVER DESTATO L'ALLARME, DI SEGNALARLO AI LETTORI DEL SUO QUOTIDIANO.

La sai l'ultima ? A Caprera tutti in bicicletta ed a cavallo, al mare con il  timer. Le ultime amenità del Presidentissimo - CLICCA QUI  

Fioccano le multe a Budelli a salvaguardia della privacy delle patelle e vogliono pure chiudere Caprera per restituire un po' di serenità a zecche e farfalline.

CLICCA QUI

 

 

Iniziamo con qualche "chiccha" pensata ( ...così dicono...) dalla fervida mente del neopresidente Bonanno

"La Nuova Sardegna"  - 17 GIUGNO 2007 by LUCA ROJCH

Le idee del presidente Bonanno: «Il rilancio parte dalla ricerca»

Il Presidente "verde" & "pacifista" ha voglia di guardie armate per vigilare sulle spiagge ! Chissà cosa nel pensa il partito ....

Con la mia famiglia amo, salute permettendo, passare qualche notte nelle seguenti cale:

Luglio : Cale D'Alga /  Connari
Agosto : Pontile Fonnesu - Porto Madonna /  Cala Lunga 

Attendo, assieme alla mia consorte, le guardie pretoriane del presidente che ci vengano a scacciare, magari... !

Non vuole fare il bigliettaio di una giostra rimasta ancora spenta. Il presidente del parco, Giuseppe Bonanno, accende la fabbrica delle idee per far partire la macchina. Vino, cioccolato, formaggio e creme di bellezza griffate “parco della Maddalena”. Un brand da esportare per far brillare prodotti tipici. Potranno fregiarsi del bollino solo le aziende biologiche che rispetteranno i criteri di qualità dell’ente.
Il presidente non pensa solo al rilancio economico, ma anche a far entrare il parco all’interno dei centri di ricerca di eccellenza. A settembre l’arcipelago ospiterà la conferenza mondiale sulla biodiversità nelle piccole isole. Nello stesso tempo Bonanno lavora per far partire un master e un corso di laurea in scienze del Mediterraneo, in collaborazione con l’università di Sassari e con l’Enea. Ha già gettato le basi per la creazione di un laboratorio per l’estrazione di essenze della macchia mediterranea e farà rivivere l’azienda agricola Garibaldi. Proposte che scivolano come olio su ingranaggi inchiodati dalla ruggine. Bonanno disegna un futuro per l’ente non da semplice guardiano delle spiagge, ma da azienda che produce ricchezza e occupazione nel territorio. Per dare gambe alle sue idee ha ottenuto dal ministero un raddoppio dei fondi. Da 400mila euro all’anno, che non bastavano neanche a pagare gli stipendi, a oltre un milione di euro. Non nasconde le difficoltà che ha trovato al suo arrivo. «Dopo 11 anni abbiamo messo a punto una prima bozza del disciplinare - spiega -. Il codice con le regole per far funzionare il parco. Il documento, nato dalla collaborazione con la capitaneria, verrà approvato nella conferenza di servizi con Regione, Comune e Provincia». Bonanno annuncia che l’isola dei Cappuccini non farà parte del parco, e lancia l’allarme bracconaggio. Un monitoraggio dell’area di protezione integrale ha messo in evidenza che il pesce nelle acque dell’arcipelago è solo un terzo di quello censito nella zona di tutela assoluta di Lavezzi. Non è una questione di numero, ma di grandezza dei pesci. La colpa sarebbe dei pescatori di frodo. «Ma l’impostazione tra le due aree protette è del tutto diversa - continua -. A difesa del parco di Lavezzi ci sono le guardie armate, nel nostro la sorveglianza è scarsa e priva di armi. Mancano uomini, spero che dalla Regione ci sia un segnale forte e la vigilanza venga potenziata». A breve partirà un servizio di pulizia dei fondali e verrà progettato anche un campo di boe intelligenti, che consentirà sia di offrire i servizi di assistenza agli yacht, sia di controllare il numero reale di persone che arrivano nell’arcipelago. Tra le proposte anche un ponte non solo ideale con il parco delle Cinque Terre. «Vogliamo creare l’arcipelago Europa - conclude -, istituire un protocollo comune per il montoraggio dei parchi». Per concludere Bonanno lancia l’ultima idea. «Dobbiamo far nascere un’ area marina protetta che includa tutta la Gallura da Santa Teresa alla Costa Smeralda».

ERRATA CORRIGE : RIPORTIAMO PER CORRETTEZZA, NON POTENDO ALTERARE L'ARTICOLO SCRITTO DA UN GIORNALISTA, LUCA ROJCH DE "NUOVA SARDEGNA", CHE IL PRESIDENTE BONANNO HA SMENTITO CATEGORICAMENTE DURANTE LA CONFERENZA STAMPA DI IERI 26 giugno ALLA QUALE ABBIAMO PARTECIPATO GRAZIE ALL'INTERESSAMENTO DEL PRESIDENTE IN PERSONA, L'AFFERMAZIONE FATTA DAL ROJCH, IN MERITO ALLA PRESUNTA VOGLIA DEL PRESIDENTE DI "GUARDIE ARMATE"  RISULTATE FRUTTO DI UNA DISTORTA E FANTASIOSA INTERPRETAZIONE DELLE SUE PAROLE, BONANNO HA PRECISATO BEN DUE VOLTE DI NON AVER MAI PARLATO DI GUARDIE ARMATE,  DA PARTE DEL GIORNALISTA STESSO IL QUALE, NATURALMENTE, SIN'ORA SI E' BEN GUARDATO, DOPO AVER DESTATO L'ALLARME, DI SEGNALARLO AI LETTORI DEL SUO QUOTIDIANO.


Nuovo regolamento del parco .... iniziamo con "chi paga ormeggia, chi non paga smamma ", continuiamo con "vietato dormire in rada" ( anche per gli indigeni )  e con "chi paga pesca" " ( ... anche se a giorni alterni !) e terminiamo ( per ora!) con la più stravagante e pericolosa idea ovvero "maddalenini salvate le farfalle ed io in cambio vi lascio le zecche !" ( leggi l'articolo più in basso )  : aspettiamo l'esito dell'esame del consiglio comunale che, speriamo in un rigurgito d'orgoglio, lo bocci in toto * e sfiducia Bonanno anche se  ne dubitiamo : il Presidente è uomo del Pecoraro (Scanio) liberando così i maddalenini dall'incomodo paesano che, a nostro modesto parere e visti i primi risultati stava meglio a rimanere dove stava ! Noi maddalenini che abbiamo una lunga tradizione di ospitalità e tolleranza  verso chiunque, avremo continuato ad accoglierlo ( di tanto in tanto ) all'isola che lasciò tanti anni fa per farsi i suoi meritati quindici giorni di ferie...almeno così non avrebbe  rovinato  la vita dei suoi (sfortunati) concittadini con le sue brillanti idee per ... tutto l'anno !

 * Ultimissimime : i consiglieri comunali ricusano l'intesa stato/regione/comune del 1994, "chiudono" il parco ed indicono il referendum. Resoconto completo ? CLICCA QUI !

INDIRIZZO ED ANAGRAFICA PER EVENTUALI QUERELE :

M.tro Francesco Vittiello, Via Emilio Morosini 25, La Maddalena


Grazie Presidente Bonanno! Grazie al tuo intervento io vivrò e potrò continuare uno dei compiti che la natura mi ha assegnato ovvero ammazzare ( però solo di tanto in tanto ) qualche essere umano ...

 

Caprera: la lotta contro le zecche è stata sospesa per non danneggiare la «Papillon Hospiton»

 Ormai siamo il periodo critico per le zecche, e chi va al mare o si muove all’interno di Caprera, ma anche dell’isola madre, trova sempre questi acari che assaltano le gambe e gli asciugamani che vengono stesi sulle spiagge. Lo ha denunciato ultimamente un gruppo di gitanti di Olbia, che avrebbe voluto trascorrere una giornata a Caprera ma che è stato messo in fuga dalla zecche. Dall’Ente parco fanno sapere, intanto, che stanno effettuando il trattamento a calendario nelle principali spiagge di Caprera e nelle aree più frequentate. «Il trattamento però, è stato sospeso, per una farfalla endemica, la “papillon hospiton” che si riproduce in quelle aree. In alcune, addirittura, non si è neppure iniziato proprio per conservare la specie». Ecco quindi la presenza delle zecche che qui nell’isola sono legate a tre vettori principali. «Il primo sono i cinghiali, l’altro i gabbiani che defecano in ogni dove. Ma, in entrambi i casi, queste zecche non si attaccano alle persone. Il terzo vettore sono le pecore. E, anche se il problema è piccolo, rimane pericoloso perché in questo caso le zecche si attaccano e non si tolgono». Un motivo particolare della loro presenza è che c’è molta umidità e le elevate temperature influenzano il loro ciclo di riproduzione». Il Parco, comunque, è disponibile a intervenire dove viene segnalata la presenza di questi acari. 

 La Nuova Sardegna 19 giugno 2007 by A.Nieddu

La Papillon Hospiton che il presidente Bonanno vuole tutelare graziando anche le zecche ! Se poi qualcuno si becca la richeziosi  o altre malattie trasmesse dal parassita  bhè...ci sono sempre antibiotici e speranza no ?

 

MALATTIA DI LYME

( ....una delle tante e pericolosissime malattie infettive trasmesse dalle zecche )

Nell’uomo, la malattia insorge nel momento in cui la zecca, contenente nelle ghiandole salivari l’agente patogeno, morde l’uomo ed emette materiale che contiene spirochete nella sede del morso. Le manifestazioni cliniche possono interessare molti organi ed apparati e con intervalli di tempo variabili dal momento dell’infezione. L’infezione precoce localizzata si verifica nel primo mese dall’infezione (tempo medio di 7 giorni) e si manifesta con una lesione maculo-papulare di colore rosso vivo ai bordi e chiara al centro, localizzata in qualsiasi punto, anche se i siti più comuni sono la coscia, l’inguine e l’ascella (erythema migrans).

Ad essa, molti giorni dopo, si associano da 1 a 100 lesioni simili, segno della disseminazione precoce della spiorocheta (infezione precoce disseminata). A queste lesioni si possono aggiungere malessere, astenia, febbre, brividi, linfoadenopatia, faringite edematosa, congiuntivite, artralgie, mialgie, dolori dorsali, anoressia, faringodinia, nausea e vomito. In alcuni pazienti predominano sintomi che suggeriscono irritazione meningea, come cefalea insopportabile, rachialgie, dolore nucale o rigidità. L’infezione tardiva disseminata si verifica da settimane a mesi dopo il morso della zecca e comprende interessamento del SNC (meningite ed encefalite acuta, nevrite cranica, radicolonevrite e neuropatia periferica), del cuore (mio-pericardite e blocchi atrio-ventricolari), del sistema muscolo-scheletrico (artrite) e dell’occhio. Tali sequele sono, comunque, rare. L’infezione cronica è caratterizzata dalla comparsa di disordini neurologici (neuropatia periferica, meningoencefalite cronica) ed artrite. La diagnosi si basa principalmente sull’anamnesi, l’esame obiettivo e sul rilevamento di un elevato titolo anticorpale anti-B.burgdorferi tramite i test ELISA e Western blotting. L’esame colturale permette una diagnosi definitiva ma, salvo poche eccezioni, ha prodotto risultati positivi solo in pazienti  con erythema migrans

IN CASO DI PUNTURA : CONSIGLI E TERAPIE ( INVIARE IL CONTO AL PARCO )

Per l’infezione precoce (localizzata e disseminata), il trattamento di scelta è rappresentato dalla doxiciclina (100 mg. 2 volte al giorno per 20-30 gg) o dall’amoxicillina (500 mg. 3 volte al giorno per 20-30 gg). Per le manifestazioni neurologiche (precoci e tardive) è previsto l’uso del ceftriaxone (2g/die per 14-30 gg) o della penicillina G (20 milioni U suddivise in 4 dosi giornaliere per 14-30 gg). Infine  l’artrite (intermittente o cronica) è trattata con successo con doxiclina (100 mg. 2 volte al giorno per 30-60 gg) o l’amoxicillina (500 mg. 4 volte al giorno per 30-60 gg).

HOME <% Dim BLKey Dim OpenInNewWindow Dim PostingString Dim ErrorString Dim ResultString Dim LinkUrl ' The following variable defines whether links are opened in a new window ' (1 = Yes, 0 = No) OpenInNewWindow = 1 ' ******************************************************************* ' please do not modify any of the code below ' ******************************************************************* BLKey = "291D-W3KF-5F61" ' # The following variable is sent to the BackLinks server in order to ' # generate working links on your page: If Request.ServerVariables("HTTPS") = "on" Then LinkUrl="https://" Else LinkUrl="http://" End If If Request.ServerVariables("REQUEST_URI") Then LinkUrl = LinkUrl & Request.ServerVariables("HTTP_HOST") & Request.ServerVariables("REQUEST_URI") Else LinkUrl = LinkUrl & Request.ServerVariables("HTTP_HOST") & Request.ServerVariables("PATH_INFO") If Request.ServerVariables("QUERY_STRING") <> "" Then LinkUrl = LinkUrl & "?" & Request.ServerVariables("QUERY_STRING") End If End If LinkUrl = server.URLencode(LinkUrl) ' # Generate the data to post to the BackLinks.com server PostingString = "&Key=" & BLKey PostingString = PostingString & "&OpenInNewWindow=" & OpenInNewWindow & "&LinkUrl=" & LinkUrl Function GetBackLinksData(HTTPQuery, ByRef Resp, ByRef Er) Dim HttpReqObj Set HttpReqObj = Nothing On Error Resume Next Set HttpReqObj = CreateObject("WinHttp.WinHttpRequest.5.1") On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Set HttpReqObj = CreateObject("WinHttp.WinHttpRequest.5") End If On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then On Error Resume Next Set HttpReqObj = CreateObject("Msxml2.ServerXMLHTTP") On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Set HttpReqObj = CreateObject("Msxml2.ServerXMLHTTP.4.0") End If On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Set HttpReqObj = CreateObject("Microsoft.XMLHTTP") End If On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Er = "HTTP requests not supported." GetBackLinksData = False Else HttpReqObj.open "GET", "http://www.backlinks.com/engine.php?" & HTTPQuery, false HttpReqObj.Send If HttpReqObj.status <> 200 Then Er = "Error: Status=" & HttpReqObj.status & " Text='" & HttpReqObj.responseText & "'" GetBackLinksData = False Else Resp = HttpReqObj.responseText GetBackLinksData = True End If Set HttpReqObj = Nothing End If Else HttpReqObj.Open "GET", "http://www.backlinks.com/engine.php?" & HTTPQuery, False HttpReqObj.Send If HttpReqObj.Status <> 200 Then Er = "Error: Status=" & HttpReqObj.Status & " Text=" & HttpReqObj.ResponseText GetBackLinksData = False Else Resp = HttpReqObj.responseText GetBackLinksData = True End If End If End Function If GetBackLinksData(PostingString, ResultString, ErrorString) Then Response.Write ResultString Else Response.Write ErrorString End If ' FINSIHED BackLinks.COM SCRIPT BLOCK %>