OLBIA & DINTORNI

FOTO  Tour del Logudoro  Musei

Tempio Pausania : La città raggiunse il massimo splendore dopo il medioevo, quando le coste galluresi furono abbandonate a causa  delle invasioni dei pirati. Temipo sorge su un altopiano non lontano dalle faIde settentrionali del massiccio del Limbara, in posizione dominante rispetto ai centri del circondario. Tappe obbligate sono  via Roma e piazza Gallura, nelle cui vicinanze si trovano la Cattedrale, interamente costruita in  granito, la chiesa di S. Croce e l'Oratorio del Rosa dall' architettura settecentesca .Da un viale panoramico, via delle fonti, si raggiungono, le Fonti  di Rinaggiu, celebri per la bontà e le qualità diuretiche delle acque. In mezzora, da Tempio, si può salire sul Monte Limbara: oltre la località Vallicciola, in un ambiente di tipo alpino, si giunge fra foreste di abeti alla Punta Balistreli da cui si gode uno sconfinato panorama sulla Corsica, su Olbia  su tutta la Gallura costiera.


Arzachena : la  città fu un importante centro romano col nome di «Turubulus Maior», cioè fungo grande per via di una grande roccia granitica a forma di fungo che domina la periferia  del paese. Il territorio offre varie vestigia archeologiche, fra cui spiccano innanzitutto il Nuraghe Albucciu, il tempietto di Malchittu, e le tombe di Giganti di Capichera e Li Lolghi.  Importanti centri turistici sono sorti negli ultimi vent'anni lungo le meravigliose coste arzachenesi : Porto Cervo, Cala Battistoni , oggi nota come Baja Sardinia e Cannigione.

S.Teodoro : anche se politicamente appartiene alla provincia di Nuoro, si può considerare, per cultura,tradizioni e parlata, come parte integrante della Gallura, di cui farà parte quando la nuova provincia sarà istituita. Il paese è immerso nel verde della pianura e può essere considerato come uno dei centri turistici più importanti della Sardegna.
Da visitare le spiagge di La Cinta, che ha alle spalle un immenso stagno, di Cala d’Ambra e di Punta Isuledda. Verso nord, la spiaggia Lu Impostu e infine il magnifico promontorio di Capo Coda Cavallo da dove si godono gli indimenticabili panorami delle isole di Molara e Tavolara.Nella parte terminale del promontorio, detta Coda di lu Furru, si trova una bella spiaggia.

S.Teresa di Gallura :  fu una  fiorente città romana, che prosperò anche in età medievale , col nome di Longonsardo, fu  abbandonata dopo la distruzione del castello che la proteggeva a causa delle invasioni dei pirati. Alla fine del '500 fu costruita dagli spagnoli  una grossa torre a cui fu dato l'antico nome di Longonsardo. All'inizio dell'800 i  piemontesi decisero di ripopolare la località e fondarono l'attuale S. Teresa (dal nome della  regina Maria Teresa).Fu quindi progettata e realizzata l'attuale cittadina con la pianta regolare e strade ad angolo retto. Attualmente in pieno sviluppo turistico, S. Teresa ha nel suo territorio meravigliose spiagge,  e vari insediamenti turistici, come a La Marmorata, a Porto Pozzo, nella Valle delI'Erica ed a Porto Quadro. Sotto la città vi è la  spiaggia  della Rena Bianca. Un escursione verso Capo Testa è consigliata poichè particolarmente suggestiva. li si possono  ammirare gli stupendi graniti della Valle della Luna, della Cala Spinosa, e della Costa del Faro. Uno stretto istmo unisce il promontorio alla Sardegna: qui si trovano la spiaggia di Capicciola e quella di Rena di ponente.

Palau : il paese nacque come porto di collegamento con il vicino arcipelago di La Maddalena . Oggi si è trasformato in un vivace  centro turistico. Nei dintorni è possibile visitare la famosa Roccia dell’Orso  e le spiagge del Golfo delle Saline. Da visitare anche la spiaggia della Sciumara, appena fuori il paese sulla strada per Olbia. Il più celebre insediamento costiero di Palau è Porto Raphael fondato dall'estroso e lungimirante Conte Raphael de Neville negli anni '60.Qui si trovano meravigliose ville immerse in una vegetazione incontaminata. Famosa  (e da visitare) la  piazzetta costruita nei pressi della  spiaggia. 
Dalle vicine rocce di Punta Sardegna,dove vi è un bellissimo faro, si gode un meraviglioso panorama sulle isole del famoso arcipelago della Maddalena.

FOTO           Musei

INDIETRO