Ordinanza  Sindacale Caprera 2003

 ( abroga e sostituisce quella del Parco)

In grassetto le parti più importanti 

Ricordiamo inoltre ai nostri gentili ospiti che non c'e' più bisogno del bollino rilasciato dal Parco ma una semplice autocertificazione.

Stampa la pagina

Città di La Maddalena

 

La Maddalena 15 luglio 2003                                                                   Ordinanza n. 19/2003 

IL SINDACO

CONSIDERATO CHE:

- Nei mesi di luglio, agosto e settembre l'Isola di Caprera, causa dell'intenso movimento turistico dovuto dovuto alla presenza del Museo Garibaldino, alla bellezza dei luoghi e dell'ambiente naturale, è interessata da un flusso veicolare di notevoli dimensioni che crea potenziale situazione di pericolo tanto per la sicurezza della circolazione veicolare, quanto per la pubblica incolumità in generale, nonché per la preservazione del patrimonio ambientale e naturale dal pericolo di incendi;

- le caratteristiche strutturali delle strade dell'Isola di Caprera non consentono di sopportare un flusso veicolare massiccio che creerebbe danni al patrimonio stradale a oggetto di interventi di consolidamento e pavimentazione ancora in corso:

Richiamata, altresì, la precedente ordinanza sindacale n. 22, Prot. 1027del 14. 08. 2002;

Ritenuto

Necessario ed urgente, per quanto sopra considerato e per improrogabili motivi attinenti la sicurezza la sicurezza della circolazione veicolare, la tutela della pubblica incolumità, unitamente ad esigenze di prevenzione da incendi, del patrimonio stradale, ambientale e naturale, dover limitare la circolazione dei veicoli sul ponte che da accesso all'Isola di Caprera e sulle strade della stessa;

Nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento:

Visto l'art. 54, comma 2 de T.U. Enti Locali di cui al D. Lgs. n° 267/2000:

Visto il D. Lgs. n° 285 del 30 aprile 1992 con particolare attenzione agli articoli 6 e 7 e successive integrazioni:

Vista la legge 24 novembre 1981 n° 689/81

ORDINA

Per i motivi citati in premessa, a decorrere dalla data odierna e fino al 15 settembre 2003, che il transito sul ponte che collega l'Isola di La Maddalena a Caprera e la circolazione dei veicoli all'interno di quest'ultima isola vengano regolamentati come segue:

1) dalle ore 8.00 del mattino alle ore 18.00 della sera di ciascun giorno è vietato attraversare il ponte citato e percorrere le strade dell'isola di Caprera:

a)        ai veicoli condotti da persone non stabilmente residenti a La Maddalena;

b)       a tutti gli autobus ad eccezione di quelli aventi regolare contratto con gli Enti  Istituzionali Regionali e Locali (minibus e da due autobus di mt.12) per l'espletamento dei necessari servizi di linea e di trasporto di prsone per le quali è vietato l'accesso con veicolo all'isola sopra citata.

2) durante il periodo di vigenza dei divieti di cui al punto 1 lettere a e b, possono affluire nell'Isola di Caprera:

a)       autoveicoli condotti da persone stabilmente residenti secondo le risultanze anagrafiche: da persone: da persone nate nel comune di La Maddalena; da militari che prestano servizio in questo Comune, previa certificazione del Comando di appartenenza: da persone che dimostrano di avere un rapporto di lavoro nel Comune di La Maddalena, o che possano dimostrare di trascorrere un periodo di ferie nell'Isola (alberghi, campeggi, pensioni et similia).

b)     autoveicoli condotti da persone che possono dimostrare il pernottamento sull'isola di La Maddalena: da persone iscritte nei ruoli comunali di I.C.I. e N.U.:

c)     autoveicoli per trasporto merci destinate a dimoranti nell'isola di Caprera. sempre se non in contrasto con le limitazioni alla circolazione stradale vigenti sulla rete viaria dell'isola stessa;

d)    autoambulanze, carri funebri, veicoli adibiti ai servizi di polizia. antincendio, e di soccorso, veicoli appartenenti alle FF.AA., al Comune, all'Ente Nazionale Parco Arcipelago di La Maddalena;

e)    autoveicoli che trasportano persone invalide purché muniti dell'apposito contrassegno previsto dalla vigente norma in materia, rilasciato dalle competenti autorità Italiane o Estere;

f)     autoveicoli condotti da persone alloggiate presso il Club Mediteranèe, Centro Velico Caprera, negli edifici dell'Ente Parcoe, altresì, presso le famiglie residenti nell'Isola.

g)    Le condizioni previste per il rilascio del contrassegno potranno essere anche dichiarate in forza delle vigenti leggi in materia di autocertificazione.

Per effetto di tali temporanee limitazioni è istituita apposita area di sosta veicoli ed autobus nella località denominata "Cala Peticchia", adiacente zona Delfino.

E' istituito, altresì, apposito servizio di autobus convenzionati per il trasporto delle persone dalla summenzionata area al Museo Garibaldino e verso tutte le altre località dell'isola.

Pertanto i veicoli diretti a Caprera, non aventi diritto di accesso, saranno bloccati nelle adiacenze del Ponte di Caprera o, comunque ove possa esservi minor intralcio per la circolazione inviati all'area di sosta all'uopo predisposta.

Al fine di non intralciare la viabilità, i conducenti dei veicoli transitanti in direzione dell'isola di Caprera dovranno esporre in modo ben visibile agli agenti predisposti ai servizi di controllo, informazione (guardie giurate) e Polizia Stradale, l'apposito contrassegno (o in alternativa per i residenti relativo documento personale di identità) attestante la condizione prevista nella presente ordinanza che da diritto di accesso con proprio veicolo nell'isola, che sarà rilasciata dagli Uffici dell'Ente Parco.

La presente ordinanza, contingibile e urgente, viene resa nota al pubblico mediante i prescritti segnali stradali e diverrà immediatamente esecutiva all'atto dell'installazione degli stessi.

Il presente provvedimento regola e ne abroga ogni altro emesso per regolare la presente materia. ( ovvero l'ordinanza del presidente del Parco n.d.r.)

Ai trasgressori, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, verrà applicata la sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di Euro 516,46  ad un massimo di Euro 10329,14 .

Il Sindaco

Dott.ssa Rosanna Giudice

Stampa la pagina