Spazio.Pubbl.gif (1222 byte)

Riserva Marina di Capo Carbonara

 

Dove si trova

L'isola dei Cavoli e la costa di Villasimius (Ca)

Comune: Villasimius  -  Provincia di Cagliari

Informazioni turistiche Tel. 07079301

L'area marina protetta si trova lungo le coste cagliaritane, estendendosi da Capo Boi fino all'area antistante l'Isola di Serpentara. Nella Riserva sono incluse l'Isola dei Cavoli e la Secca di Berni.
Il suo nome deriva dal Capo Carbonara, promontorio che si estende nella parte più meridionale della Sardegna orientale.

Come si raggiunge

Si può prendere l'aereo e raggiungere l'aeroporto di Cagliari Elmas, oppure viaggiare in traghetto fino al porto di Cagliari, e quindi proseguire in auto per Vilasimius.

La riserva marina

La Riserva Naturale Marina di Capo Carbonara è stata istituita con Decreto Ministeriale del 3 agosto 1999. Ha una superficie di circa 8.860 ettari ed è complessivamente suddivisa in tre zone, sottoposte a differenti normative e gradi di tutela: la zona, la zona b, la zona c.

Il paesaggio

Il territorio presenta un notevole sviluppo costiero di circa 32 km, caratterizzato dalla presenza di un imponente promontorio, il Capo Carbonara, e da due isole, quella dei Cavoli e quella di Serpentara. Il Capo Carbonara spartisce un ampio golfo, che ad est prende il nome di Porto Giunco, ad ovest quello di Golfo di Carbonara. Dal punto di vista idrografico, è attualmente presente un unico corso d'acqua di una certa importanza. Si tratta del Rio Foxi, un tempo navigabile, che dopo aver attraversato la valle in cui sorge il centro abitato, sfocia nel Golfo di Carbonara in località Campus. Il paesaggio era un tempo ricoperto da fitte foreste, ricche di selvaggina. Attualmente il territorio è caratterizzato dalla presenza della macchia mediterranea e del sottobosco: il cisto, il lentisco, il mirto, il corbezzolo, la ginestra, l'olivastro, il ginepro, il carrubo, il leccio. Dal punto di vista faunistico gli animali più importanti sono la tartaruga terrestre, la lepre e il coniglio selvatico, il cinghiale, il cervo sardo, la donnola e la volpe.
L'avifauna è rappresentata dalla poiana, dal falco pellegrino, l'upupa, la pernice e la gallinella d'acqua.
Sul territorio sono presenti alcuni endemismi: il cavolo selvatico (brassica insularis), presente sull'Isola dei Cavoli, Capo Spartivento e sull'Isola antistante Capo Caccia, e l'acchiappamosche (dracunculus muscivorus).

 

 

 

 

 

 

DECRETO ISTITUTIVO RISERVA CLICCA QUI

Le regole del Parco

Zona A riserva integrale

La zona A comprende il settore ovest dell'isola di Serpentara dove sono vietate:

  • l'asportazione anche parziale ed il danneggiamento delle formazioni geologiche e minerali;

  • la navigazione l'accesso e la sosta con navi e unità da diporto di qualsiasi genere e tipo, fatto salvo quanto previsto da successivo comma 4;

  • la balneazione, fatto salvo quanto previsto da successivo comma 4;

  • la pesca, sia professionale che sportiva, con qualunque mezzo esercitata;

  • la pesca subacquea.

In zona A è invece consentito:

  • l'accesso al personale dell'ente gestore, per attività di servizio, e a quello scientifico, per lo svolgimento di ricerche debitamente autorizzate dall'ente gestore;

  • le immersioni autorizzate dell'ente gestore a fini scientifici e la realizzazione di visite guidate subacquee, regolamentate dall'ente gestore medesimo, in aree limitate e secondo percorsi prefissati, tenendo comunque conto dell'esigenza di elevata tutela ambientale.

Zona B riserva generale

In tale zona sono vietati:

  • l'ancoraggio libero;

  • la libera navigazione a motore

  • l'ormeggio non regolamentato;

  • la pesca subacquea.

Sono invece consentiti:

  • la navigazione a natanti ed imbarcazioni a bassa velocità (non oltre 10 nodi), regolamentata dall'ente gestore;

  • la pesca sia professionale che sportiva, previamente autorizzata dall'ente gestore dell'area marina protetta;

  • la balneazione;

  • l'ormeggio alle apposite strutture predisposte dall'ente gestore;

  • le immersioni con apparecchi autorespiratori, previamente autorizzate dall'ente gestore.

Zona C Riserva Parziale

In tale zona sono vietati:

  • l'ancoraggio libero;

  • l'ormeggio non regolamentato;

  • la pesca subacquea.

Sono invece consentiti:

  • l'ancoraggio nei soli specchi acquei attrezzati allo scopo dall'ente gestore e opportunamente segnalati;

  • la navigazione a natanti ed imbarcazioni;

  • l'ormeggio, come regolamentato dall'ente gestore dell'area marina protetta;

  • la pesca professionale riservata ai pescatori residenti nel comune di Villasimius, e a quelli non residenti ove debitamente autorizzati dall'ente gestore sulla base di apposita disciplina relativa agli attrezzi ed allo sforzo di pesca;

  • le attività subacquee compatibili con la tutela delle specie viventi e la conservazione dei fondali (fotografie, riprese, turismo subacqueo, etc.).

 

indietro.gif (2106 byte)