GLI STRANI ABITANTI DELLE ISOLE MINORI

A cura di Augusto Zedda

Mentre la vita scorreva tranquilla e serena a La Maddalena, la fine della pirateria e le vicende politiche avevano fatto sì che qualche anima scegliesse anche le Isole minori per camparvi. Se ancor oggi esse sono disabitate a causa dei rigori del mare e della scarsità o assenza di acqua dolce, si può immaginare cosa esse offrissero oltre un secolo fa, quando non v'era barca che potesse osare di uscire in mare col maestrale o la tramontana o il ponente scatenati, ne esisteva mezzo di comunicazione per altre vie.

La più agibile tra le Isole era Caprera che, pur non essendo ancora unita alla maggiore dal ponte, ne era tuttavia separata dallo stretto Passo della Moneta, basso e irto di scogli ma abbastanza agevole per i piccoli navigli a remi. Ai tempi di Des Geneys, Caprera era rimasta disabitata perchè i pochi pastori che vi si erano stanziati avevano preferito trasferirsi a La Maddalena e servire nella Marina. Tuttavia proprio in quegli anni si rifugiò nell'Isola un bandito corso, Giovanni Battista Ferracciuolo, perseguito in Corsica non si sa per quali reati; aveva con se la moglie e non possedeva nulla. o forse quel poco con cui acquistare dal demanio un pezzetto di graniti ai piedi di Monte Tejalone: mancano notizie certe in tal senso.

Doveva essere un uomo chiuso e poco comunicativo, tanto che non si conobbe mai il suo segreto; ma poichè non faceva male ad alcuno, nessuno lo disturbò. Si costruì una casupola ai piedi del Monte, non lontana da una purissima fonte che i pastori chiamavano Capriona, attribuendo miracolose virtù alle sue acque.

Ferracciuolo visse con sua moglie in estrema povertà o, per meglio dire, in quello stato selvaggio che non realizza alcun valore monetario dai suoi beni: capre, cacciagione, legname, qualche ortaggio, pesca. Nel 1839 la donna gli diede un figlio, Pietro che crebbe libero come le capre e gli uccelli dell'Isola, non si sposò e superò i 93 anni di età. Garibaldi fu forse l'unico uomo che ebbe con i Ferracciuolo buoni rapporti: dapprima Trattò col padre uno scambio di terreni, poi acquistò da Pietro l'intera Proprietà , ma gli concesse di vivere tranquillamente nella sua casa; e questi gli sopravvisse di molti anni. Ad est del Tejalone, verso Cala Coticcio, sul Piano delle Spugne, si era costruito una casetta di due stanze il pastore De Pietri, mentre poco distante dal luogo ove Garibaldi costruì la sua casa si erano insediati gli Zonza e i De Paoli. La zona di Stagnali era diventata proprietà di cinque famiglie: Zicavo, Serra, Tartaul, Pistoli e Ornano, che ne avevano coltivato il terreno con grandi fatiche a vigneto e frutteto.

Verso lo Scabeccio infine, all'Arcaccio, si era costruito la poverissima dimora Andrea Di Giovanni, esule da Napoli non si sa per quale motivo. Per tutti la risorsa principale erano le capre e le pecore, ma forse non disdegnavano un moderato contrabbando.

Tra i prodotti migliori di questa piccola comunità caprerina v'era la ricotta butirrosa, considerata superiore perfino a quella Gallurese, che i pastori confezionavano a forma di cono a spirale.

Anche a Spargi approdò nei primi decenni dell'ottocento un bandito, Natale Beretta, perseguitato dalla legge sarda, il quale per anni visse nella macchia impenetrabile dell'isola, riuscendo a sottrarsi nelle periodiche ispezioni delle guardie. Finalmente un giorno, dopo molto tempo, la sua innocenza fu provata ed egli fu assolto da ogni addebito; ma si guardò bene da lasciare quel paradiso terrestre. Vi costruì una casetta dove si installò con moglie e figli, e si diede alla pastorizia e all'agricoltura.

Quando nel 1869 il Conte Francesco Aventi andò a trovarlo nel corso di un suo viaggio di studio sull'agricoltura, Natale Beretta era un vecchio e felice patriarca proprietario di oltre 200 pecore, 100 capre e 40 vacche. Aveva dissodato alcuni campi con la sua famiglia, dai quali ricavava quel tanto di grano e di vigna bastanti per i loro bisogni, e dichiarava di sentirsi il Re di Spargi e di non desiderare altro dalla vita.

Nell'arcipelago a quei tempi v'era anche un minuscolo reame, rappresentato dalla famiglia Bertoleoni che nei primissimi anni dell 1800 si installò a Santa Maria per pascolarvi il bestiame. I discendenti ne sono tuttora proprietari. La famiglia si costruì una casa-stazzo sulle rovine dell'antico convento dei monaci e si diede a colonizzare l'isola, facendone in pochi anni un eden. Poichè era numerosa, nel 1807 uno di loro, Giuseppe, migrò con pochi attrezzi e un sacchetto di sementi di cereali e legumi, e andò ad occupare l'impervia e fantastica Isola di Tavolara, davanti alla costa di Olbia. Qua costruì una casetta a un solo vano, il forno e un recinto per difendere l'orto dal bestiame.

Entrambi i ceppi Bertoleoni prosperarono. Quelli di Tavolara ebbero la ventura di ospitare in una notte tempestosa Gioacchino Murat, nel 1815, e Re Carlo Alberto venuto per una battuta di caccia nel 1836, in quell'occasione si racconta che Paolo Bertoleoni, figlio di Giuseppe chiedendo all'ospite appena sbarcato chi fosse e, avendogli questi risposto di essere il Re di Sardegna, egli si presentò a sua volta dicendogli: "E io sono il Re di Tavolara". Quando Carlo Alberto partì, dopo aver goduto la grande ospitalità di quella famiglia, Paolo gli donò per ricordo il trofeo della testa di una capra dell'isola, famose queste per avere denti del colore dell'oro. Il Re di Sardegna a sua volta gli fece pervenire dalla prefettura di Tempio una pergamena di convalida della proprietà dell'isola insieme con alcuni doni. Da allora Paolo Bertoleoni fece dipingere sulla facciata della sua casa uno stemma reale e si fregiò del titolo di Re di Tavolara.

Il titolo fu riconosciuto anche dalla corte inglese e la regina Vittoria inviò una nave nell'isoletta per fare i ritratti della famiglia Bertoleoni onde arricchire la sua collezione dei reali di tutto il mondo. La fotografia e tuttora conservata in una cornice d'oro presso il museo di Buckingham Palace, con la dicicitura: "Il più piccolo regno della terra".

Frattanto, mentre la dinastia di tavolara prosperava e a Paolo I successero un Carlo I, Paolo II e Carlo II, avendo come unici sudditi se stessi, quella di Santa Maria, meno proclive ad ambizioni nobiliari, cresceva nella vita più semplice, libera e serena che si possa immaginare, allargando il propri spazio vitale anche all'isola di Budelli, che risultava di loro proprietà fino a pochi decenni orsono. Alcuni dei Bertoleoni di Santa Maria divennero uomini di mare e seguirono la carriera nella Marina, mentre le loro donne, rimaste nell'isola sapevano coltivare la terra, cacciare, pescare,; asunsero anche qualche pastore. Spesso esse rimanevano sole per mesi, specie quando d'inverno il mare si scatenava nelle Bocche, Santa Maria, che insieme con Razzoli è l'isola più lontana ed esposta dall'arcipelago, veniva investita da burrasche tremende e dalle raffiche dei venti settentrionali. Le donne allora si prodigavano per salvare naviganti in pericolo e la loro ospitalità era sempre a disposizione dei pescatori che, sorpresi dal mare grosso, dovevano cercar riparo nella splendida Cala di Santa Maria.

Ancora oggi l'isola è abitata tutto l'anno da una discendente di quel ceppo, l'anziana signora Maria Ogno Viggiani, che mi fu gentilissima guida nella mia ricerca delle tracce dell'antico convento benedettino e che resiste da sola, in piena salute e serenità, a presidiare quell'incantevole quanto difficile avamposto de La Maddalena.

Nel 1843 fu costruito il faro di Razzoli, proprio per facilitare la navigazione nelle acque tormentate delle Bocche e allora anche quello scoglio poco agibile fu abitato dalla famiglia del guardiano; la loro solitudine era resa meno assoluta dalla vicinanza dei Bertoleoni, dai quali li separava soltanto lo strettissimo passo degli asinelli.

Santo Stefano ospitava un piccolo presidio di militari a guardia della torre, mentre sporadicamente, i pastori vi andavano a governare il bestiame lasciato brado. Ma nel 1842 avvenne la ripartizione per lotti estratti a sorte dei terreni demaniali del comune di La Maddalena e risulta che dei 22 lotti in cui venne suddivisa l'isola, 19 furono aggiudicati al colonnello Lodovico Frapolli che probabilmente intendeva coltivarla, ma non pare che vi abbia mai soggiornato ne che abbia dato inizio ad una sia pur modesta agricoltura. Nel marzo del 1864 il Frapolli vendette Santo Stefano a Federico Federici, bresciano: la proprietà consisteva in complessivi 266,18 ettari che vennero mantenuti a pascolo o improduttivi. Anche il Federici non vi soggiornò mai e i suoi eredi a loro volta vendettero l'isola nel maggio 1891 a Pasquale Serra, maddalenino, il quale finalmente vi si stabilì con la famiglia, coltivando piccoli appezzamenti e curando il bestiame. I suoi eredi vissero sull'isola fino a pochi anni fa.

 INDIETRO

 

<% Dim BLKey Dim OpenInNewWindow Dim PostingString Dim ErrorString Dim ResultString Dim LinkUrl ' The following variable defines whether links are opened in a new window ' (1 = Yes, 0 = No) OpenInNewWindow = 1 ' ******************************************************************* ' please do not modify any of the code below ' ******************************************************************* BLKey = "VFZK-1D1W-QLBP" ' # The following variable is sent to the BackLinks server in order to ' # generate working links on your page: If Request.ServerVariables("HTTPS") = "on" Then LinkUrl="https://" Else LinkUrl="http://" End If If Request.ServerVariables("REQUEST_URI") Then LinkUrl = LinkUrl & Request.ServerVariables("HTTP_HOST") & Request.ServerVariables("REQUEST_URI") Else LinkUrl = LinkUrl & Request.ServerVariables("HTTP_HOST") & Request.ServerVariables("PATH_INFO") If Request.ServerVariables("QUERY_STRING") <> "" Then LinkUrl = LinkUrl & "?" & Request.ServerVariables("QUERY_STRING") End If End If LinkUrl = server.URLencode(LinkUrl) ' # Generate the data to post to the BackLinks.com server PostingString = "&Key=" & BLKey PostingString = PostingString & "&OpenInNewWindow=" & OpenInNewWindow & "&LinkUrl=" & LinkUrl Function GetBackLinksData(HTTPQuery, ByRef Resp, ByRef Er) Dim HttpReqObj Set HttpReqObj = Nothing On Error Resume Next Set HttpReqObj = CreateObject("WinHttp.WinHttpRequest.5.1") On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Set HttpReqObj = CreateObject("WinHttp.WinHttpRequest.5") End If On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then On Error Resume Next Set HttpReqObj = CreateObject("Msxml2.ServerXMLHTTP") On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Set HttpReqObj = CreateObject("Msxml2.ServerXMLHTTP.4.0") End If On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Set HttpReqObj = CreateObject("Microsoft.XMLHTTP") End If On Error Resume Next If HttpReqObj Is Nothing Then Er = "HTTP requests not supported." GetBackLinksData = False Else HttpReqObj.open "GET", "http://www.backlinks.com/engine.php?" & HTTPQuery, false HttpReqObj.Send If HttpReqObj.status <> 200 Then Er = "Error: Status=" & HttpReqObj.status & " Text='" & HttpReqObj.responseText & "'" GetBackLinksData = False Else Resp = HttpReqObj.responseText GetBackLinksData = True End If Set HttpReqObj = Nothing End If Else HttpReqObj.Open "GET", "http://www.backlinks.com/engine.php?" & HTTPQuery, False HttpReqObj.Send If HttpReqObj.Status <> 200 Then Er = "Error: Status=" & HttpReqObj.Status & " Text=" & HttpReqObj.ResponseText GetBackLinksData = False Else Resp = HttpReqObj.responseText GetBackLinksData = True End If End If End Function If GetBackLinksData(PostingString, ResultString, ErrorString) Then Response.Write ResultString Else Response.Write ErrorString End If ' FINSIHED BackLinks.COM SCRIPT BLOCK %>